Habemus graduatoriam

*HABEMUS GRADUATORIAM *

SOSPENDERE GLI SFRATTI

!ORA!

Nella mattinata del 22 maggio, il Comitato monzese per il diritto alla casa e la FOA Boccaccio hanno attraversato l’ufficio alloggi e il centro di Monza denunciando le politiche abitative della giunta Scanagatti. Ci eravamo dati appuntamento in previsione della pubblicazione della graduatoria per assegnazione di 70 appartamenti a canone sociale, ma un ulteriore ritardo “burocratico” da parte degli uffici competenti ha tenuto in stallo per un’altra settimana sfrattati e sfrattandi. Da oltre due anni infatti questa amministrazione tenta di risolvere il problema casa inviando le famiglie sfrattate in residence privati a cui versa a fondo perduto circa 400.000 euro all’anno.

Soldi pubblici che invece potrebbero essere destinati all’autorecupero, al recupero degli appartamenti erp già esistenti ma dichiarati inagibili (oltre 100 a Monza, considerando anche il patrimonio ALER) e alla requisizione dello sfitto, concordando con i privati un canone a prezzi inferiore di mercato o addirittura sociale (ricordiamo che sono oltre 6000 gli sfitti privati vuoti censiti in città).

Ieri, con un grande spiegamento di mezzi e uomini delle forze dell’ordine, sono state sgomberate 3 occupazioni abitative a Torino, Bologna e Milano. È chiaro l’obiettivi di questo governo: contrastare chi lotta dal basso e in maniera autorganizzata per avere una casa.

Oggi che finalmente è stata pubblicata la graduatoria che assegnerà qualche decina di case a fronte di quasi 700 richieste chiediamo fermamente che vengano sospesi tutti gli sfratti per morosità incolpevole che ogni settimana vengono eseguiti a Monza.

Non si può gestire l’emergenza abitativa come un problema di ordine pubblico: nelle prossime settimane continueremo l’attività di contrasto agli sfratti!

Oggi alle ore 18.30 (FOA Boccaccio 003, via Rosmini 11)

ASSEMBLEA PUBBLICA

SUL DIRITTO  ALL’ABITARE E CONTRO GLI SFRATTI

Un’occasione di confronto e rilancio per le mobilitazioni

a difesa del diritto all’abitare.

This entry was posted in Casa, Comunicati and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *