SULLA POSSIBILE “RIGENERAZIONE URBANA” DI VIA ROSMINI 11

SULLA POSSIBILE “RIGENERAZIONE URBANA” DI VIA ROSMINI 11

Lettera alla MOSS s.r.l. e agli iscritti e alle iscritte del CAI di Monza

Apprendiamo che all’interno della mappatura comunale relativa al cosiddetto “patrimonio edilizio dismesso con criticità” recentemente approvata dalla Giunta Allevi è stato inserito anche lo stabile di via Rosmini 11. Risulta quindi evidente che la nuova proprietà dell’area (ossia voi) intenda avvalersi, nell’ipotesi di dare forma a progetti edificatori, di sconti su oneri di urbanizzazione e premi in metri cubi di cemento, riconosciuti a chi volesse “rigenerare” uno stabile dismesso da oltre 5 anni.

Poco ci importa comprendere cosa intenda nel dettaglio la legge per “dismissione”: abbiamo già approfondito in altre sedi (Appunti sulla Turbourbanistica) le molteplici criticità della normativa urbanistica monzese, con leggi e provvedimenti scritti ad hoc per cementificare il territorio, alterarne l’identità, asfaltare la strada a un modello di città esclusivo ed escludente.

Preferiamo guardare alla realtà dei fatti e all’uso che migliaia di giovani e non solo ogni anno fanno della struttura di via Rosmini 11: a partire da questa osservazione ci sentiamo in dovere di ribadire che lo stabile in nessuna misura si può definire dismesso o sottoutilizzato o degradato, quantomeno in relazione a ciò che questi concetti significano nell’uso comune.

In relazione a ipotesi di sottoutilizzo vi rimandiamo alle statistiche sulle attività del 2019 (pre Covid) che non necessita di particolari commenti.

In merito al concetto di dismissione vi proponiamo invece un confronto visivo tra lo stato della struttura oggi e quello del 2011, anno in cui entrammo nell’area (allora sì dismessa e abbandonata) innescando un processo di autorecupero completamente autorganizzato e autofinanziato. Non abbiamo chiesto sconti, premi e permessi a nessuno, praticando una riappropriazione diretta di beni comuni in disuso, seguendo un modello che ovunque in Europa indica una possibilità di uscita dai processi di privatizzazione delle nostre città.

Anche con uno sguardo superficiale si può comprendere come le funzionalità originarie dell’ex centro sportivo Verga siano state rielaborate e amplificate grazie a una moltitudine di progetti sempre in grado di rimodellarsi, rispondendo a esigenze nuove. Un ex centro sportivo è diventato una struttura polifunzionale a 360°, elastica e densa di significati sociali e culturali.

Abbiamo per dieci anni costruito la legittimità delle nostre azioni giorno dopo giorno, sancendo il successo del modello di autogestione.

Poi siete arrivati voi, con i vostri soldi e la vostra proposta di “rigenerazione”. Avete deciso di comperare tutto, scegliendo proprio questa area tra decine di altre veramente dismesse (il Comune ne ha mappate oltre 100!) dimostrando di voler calpestare la nostra storia decennale.

In conclusione, per quanto vi possiate sforzare di giustificare legalmente l’enorme infamia di cui vi macchiereste qualora venisse confermata la volontà di sgomberare l’area di via Rosmini, ogni tentativo di mistificazione della realtà verrà riportato ai fatti grazie a una consapevolezza che non nasce in questi ultimi mesi, ma affonda le proprie radici in un percorso cittadino quasi ventennale sotto gli occhi di tutti.

FOA Boccaccio 003

Posted in Comunicati | Tagged , , , , | Leave a comment

No Delivery Day

26 marzo 2021: NO DELIVERY DAY

Sostieni anche tu la lotta dei rider: venerdì 26 non ordinare!
Una nuova importante tappa nelle battaglie per un lavoro tutelato e retribuito dignitosamente!

Rider: cavalieri delle strade con i nostri zaini colorati e le nostre
biciclette.

La nostra guerra è un lavoro logorante, la nostra arma la lotta e la
solidarietà.

Costretti a passare le giornate aspettando che si sblocchi un’ora
disponibile o che un ordine arrivi. Veniamo pagati in base agli ordini che facciamo e questo significa “vendere gratis” il nostro tempo, quando le ore passano senza ricevere ordini. Negli ultimi mesi, poi, le aziende hanno abbassato le paghe: 3 euro a ordine (in media) per correre interi km in bicicletta, abbiamo visto consegne pagate anche meno. Paghe misere che ci costringono, da schiavi, a farci padroni della strada, a pedalare sempre più veloce, a mettere sempre più in pericolo la nostra incolumità, solo per qualche euro in più.

Nel frattempo le aziende e i sindacati giocano con le nostre vite.
Trattative segrete di cui i lavoratori non sanno nulla hanno portato a concludere fantomatici contratti, che hanno peggiorato le nostre condizioni di lavoro, come quello sottoscritto da UGL e Assodelivery oppure quello che JustEat ha iniziato a sperimentare a Monza.

Eppure basterebbe una paga oraria congrua ai rischi e alla fatica che facciamo per rendere questo lavoro accettabile. Basterebbe farla finita con i sistemi di valutazione che permettono alle aziende di decidere arbitrariamente chi lavora e chi no. Basterebbero coperture per malattia e un’assicurazione per gli infortuni. Ci vuole poco a rendere quello del rider un lavoro dignitoso.

Il lavoretto per studenti si è fatto una faccenda seria. Già a novembre i rider hanno acceso le città di tutta Italia con mobilitazioni contro lo sfruttamento delle piattaforme. Il 26 Marzo ci sarà un altro sciopero dei rider. Saremo lì. Contro il contratto da autonomo voluto da UGL e Assodelivery e contro quello pilota introdotto da JustEat a Monza.

Unisciti a noi!

Posted in Comunicati, Precarietà e dintorni | Tagged , , , | Leave a comment

DAX VIVE NELLE LOTTE

Sui muri di Monza

2003*2021  /// 16 marzo /// DAX VIVE

Posted in Comunicati | Leave a comment

16 marzo 2021

La notte del 16 marzo 2003, Davide Cesare, Dax, militante antifascista, veniva ucciso a coltellate da un gruppo di neofascisti in via Brioschi a Milano, quartiere Ticinese.

Da quel giorno, tutti gli anni, il ricordo dell’accaduto e della successiva mattanza poliziesca presso l’ospedale San Paolo ai danni dei compagni e delle compagne di Dax si è saldato con l’attualità delle lotte sociali, affermando il loro stretto legame con la pratica antifascista.

Quest’anno il ricordo di Dax avverrà in forme diverse rispetto a quanto abbiamo vissuto negli anni passati. Una molteplicità di appuntamenti organizzati a Milano nei prossimi giorni accoglie l’invito dell’associazione Dax a far proprio il ricordo della Notte Nera di Milano, declinandolo nei quartieri e territori.

*****************

Marzo 2021

Compagni e compagne,
come anticipato nell’appello di indizione delle iniziative del 16 marzo, la criticità della situazione sanitaria ci porta quest’anno a scegliere di ricordare in modo soggettivo e informale il nostro compagno, fratello, amico. I contenuti già elaborati per l’iniziativa, dedicata a Carlo e a Dax, verranno divulgati in altra forma attraverso le pagine social della Associazione. Una decisione sofferta, ma doverosa per non trasformare il momento di ricordo collettivo in una situazione di disagio e difficoltà. Vedere come nella città molti collettivi e individualità, abbiano recepito il nostro invito a creare momenti dedicati a Dax e alla memoria della Notte Nera, ognuno con le proprie modalità, ci ha aiutato nella scelta. La consapevolezza è di non aver lasciato un vuoto, ma dato spazio affinché il ricordo si declini nelle lotte che animano il nostro territorio ogni giorno.
Nel rispetto di chi, in piena pandemia, continua a combattere per i diritti e per la dignità, il nostro pensiero va ai lavoratori della logistica di Piacenza colpiti da un provvedimento repressivo proprio in questi giorni. Guardiamo anche a tutti quei lavoratori e lavoratrici che si mobilitano, vengono caricati e picchiati dalle forze dell’ordine schierate a protezione degli interessi dei potenti, dalla logistica ai riders. Ricordiamo i detenuti in rivolta, assassinati e massacrati impunemente all’interno delle carceri italiane poco più di un anno fa, e chi è agli arresti perché lotta per quello in cui crede, come il popolo no tav. Ognuna di queste storie ci ricorda che viviamo in un sistema fondato sul profitto, precarietà, razzismo e xenofobia, che ci vedeva in catene anche prima della pandemia. Delle catene che hanno radici molto più profonde e strutturali di quelle che potremmo imputare ai dpcm del momento. Da quelle catene vogliamo liberarci e continuiamo a sognare la nostra rivoluzione.
Sogniamo un mondo senza frontiere, per gli esseri umani, non per le merci e i capitali. Sogniamo un mondo includente, dove ci sia spazio per molti mondi, come dicono in territorio zapatista, senza guerre guidate da interessi economici, di controllo delle risorse a livello planetario. La pandemia, gestita come peggio non si poteva, ha messo a nudo i limiti delle società capitaliste. Sono sempre le fasce di popolazione più fragili e gli ultimi a pagarne le conseguenze, oggi più di prima. La medicina territoriale devastata, la dilagante presenza della sanità privata nei servizi primari, hanno aumentato le diseguaglianze di trattamenti nella società. Sono morte migliaia di persone, migliaia e migliaia sono sprofondate in una condizione di povertà. La sfida che abbiamo di fronte è quella di ricostruire questa società dalla base, innescare un cambiamento radicale.
Nel diciottesimo anniversario dell’assassinio di Dax e degli scontri all’ospedale San Paolo, scegliamo di tutelare la collettività ridimensionando le modalità del ricordo. Siamo comunque consapevoli che nel momento in cui lo stato emergenziale a livello sanitario dovesse diventare cronico, sarà indispensabile ripensare alle forme dello stare in piazza, del ritrovarsi e del lottare. Un forte abbraccio va ovviamente alla famiglia, che proprio per i motivi citati non potremo vedere, e ai compagni e alle compagne che in questi anni hanno portato ovunque il nome di Dax. Un ringraziamento a tutti quelli che ci sono stati, ci sono e ci saranno. Ci troveremo presto nelle strade, per Dax, per Carlo.

Non spegni il sole se gli spari addosso

https://it-it.facebook.com/events/2904934856494407/

https://www.facebook.com/events/1738233676356483/

https://www.facebook.com/events/261848185405951/

https://www.facebook.com/events/474459076884671/

 

Posted in Comunicati, Eventi | Leave a comment

[Lambretto Day X] Fotoracconto

Decima edizione del Lambretto Day: quintali di rifiuti rimossi dalle sponde della roggia di via Rosmini. Ringraziando quanti/e si sono sporcati/e le mani nella giornata di pulizia di questo angolo verde di Monza, continuiamo nel percorso di costruzione di iniziative autorganizzate per tutelare i nostri quartieri da inquinamento, cemento e speculazione. A presto quindi per nuovi appuntamenti!

Posted in Comunicati | Leave a comment

Boccaccio Lovers / Podcast di Radiocane

Breve excursus storico su vent’anni di occupazione in quel di Monza. Voci di giovani e meno giovani compagni/e del Boccaccio ai microfoni di Radiocane

Interessante retrospettiva con un quadro sulla situazione attuale dello spazio occupato monzese.

 

Posted in Comunicati | Leave a comment

DIECI ANNI DI MEMORIAL BRACESCO

DIECI ANNI DI MEMORIAL BRACESCO.

Qualche riflessione di bilancio e uno sguardo al futuro.

Edizione 2021

Durante lo scorso week end è andata in scena una versione inedita del Memorial Bracesco. Causa Covid abbiamo rinunciato al consueto torneo di calcio, ma la fruibilità degli spazi aperti di via Rosmini 11 ha permesso a molte persone di misurarsi con altre forme di sport popolare, dall’arrampicata al tiro con l’arco, dal cricket agli allenamenti di boxe.

La prima giornata si è conclusa con il consueto saluto da parte di Milena Bracesco, al cospetto del muralesdedicato a suo padreappena restaurato.

Il secondo giorno si è poi svolta una partecipata escursione sui sentieri del Monte di Brianza, nella riscoperta di alcuni eventi della storia partigiana locale: così facendo il programma si è intrecciato al ciclo “Con passo ostinato” sull’idea di montagna e libertà, contro lo sgombero del Boccaccio e l’affarismo spregiudicato del CAI di Monza.

Abbiamo toccato con mano ancora una volta la capacità della manifestazione di reinventarsi con successo e di acquisire nuovi significati: si è scritta collettivamente un’altra pagina di quella storia di antifascismo e sport popolareche affonda le proprie radici nella straordinaria vicenda biografica di Enrico Bracesco,partigiano monzese, operaio della Breda, deportato e ucciso dai nazisti per il campo di sterminio di Hartheim.

Il decennale dell’iniziativa ci offre anche lo spunto per un rapido bilancio di ciò che si è fatto in un decennio e porre uno sguardo verso il futuro.
Continue reading

Posted in Comunicati | Tagged , | Leave a comment

Organizzarsi contro la turbourbanistica

Giovedì 18 febbraio 2021, ore 18.30

FOA Boccaccio 003, via Rosmini 11, Monza

Organizzarsi contro la turbourbanistica

Scambio di idee per la costruzione di una nuova fase di mobilitazione contro il disegno di città della giunta Allevi.

Per una Monza ecologica e inclusiva, liberata dalle ossessioni di profitto.

Vi aspettiamo.

************

Contro il progetto di città della giunta Allevi sono state diverse le iniziative messe in campo negli ultimi mesi: dalla mappatura delle “ferite aperte”, alle due critical mass, passando per le campagne social sulle singole vertenze, all’ultimo documentario “Abitare a Monza 2”, che ha avuto una massiccia diffusione.
L’ approvazione dei provvedimenti sulla “rigenerazione urbana” in consiglio comunale ci spinge a continuare la mobilitazione aprendo una nuova fase di conflitto che, sfidando la rassegnazione, si trasformi in sperimentazione concreta di un nuovo disegno di città in cui giustizia sociale e climatica superino il modello basato su profitto e cemento di una città a misura di ricco.

Posted in Eventi | Tagged , , , | Leave a comment

MEMORIAL BRACESCO 2021

 

FOA Boccaccio 003 & Trattoria Bracesco & Palestra Popolare “Liabeuf BKK”

presentano

MEMORIAL BRACESCO 2021 – X edizione

UNA STORIA DI ANTIFASCISMO E SPORT POPOLARE

Due giorni dedicati al partigiano monzese Enrico Bracesco, operaio della Breda ucciso dai nazisti presso il Castello di Hartheim

13.14 febbraio 2021

La decima edizione del MEMORIAL BRACESCO prende forma in maniera inedita. La crisi pandemica impedisce l’organizzazione del consueto torneo di calcio, ma nuove forme di sport popolare si manifesteranno dentro e fuori via Rosmini 11, in difesa dello spazio occupato monzese, contro le mire speculative di CAI e MOSS SRL.

*******************

Sabato 13 febbraio

TANTI SPORT, UN’UNICA LOTTA

A difesa dello spazio sociale monzese contro ogni ipotesi di sgombero

Restyling murales esterni dedicati ai partigiani Enrico Bracesco e Salvatrice Benincasa

Dalle ore 14 Palestra di arrampicata ad accesso libero: vieni a provare le nuove pareti attrezzate!

Dalle ore 15 partita e dimostrazioni del Monza Villa Reale Cricket Club

Ore 16 Allenamenti collettivi e aperti di boxe con la palestra popolare Liabeuf BKK

Ore 17 Intervento conclusivo di Milena Bracesco, figlia di Enrico

*******************

Domenica 14 febbraio

ANELLO DELLA VAL MERIA

A causa della presenza di abbondante ghiaccio sull’itinerario previsto e volendo garantire un percorso accessibile per tutt*,
abbiamo deciso di modificare la destinazione della camminata e spostarci
in Brianza.

Il ritrovo è sempre  presso la FOA Boccaccio in via Rosmini 11 alle ore
8 per partire alle 8.30.
La camminata partirà a Mondonico 341 mt. (Olgiate Molgora, LC) per
salire all’eremo di San Genesio 849 mt. passando per Campsirago. Si
completa l’anello per tornare a Mondonico passando per Giovenzana.

L’itinerario durerà complessivamente 4 ore. Il rientro è previsto nel
primo pomeriggio.

Anche queste zone furono teatro della resistenza dei partigiani durante
la seconda guerra mondiale.

Farà freddo copritevi bene!

Per chi vuole qui si trova la descrizione e la traccia del sentiero:
https://www.hikr.org/tour/post128739.html

Escursione sui sentieri partigiani dell’89a Brigata Garibaldi-Poletti*

ore 8.00 Ritrovo e partenza in macchina via Rosmini 11, Monza

ore 9.30 Partenza itinerario da Somana – Mandello del Lario (LC)

Durata itinerario 4.30 ore

Dislivello totale 690 m

Difficoltà E

*Iniziativa nell’ambito del ciclo CON PASSO OSTINATO, contro lo sgombero del Boccaccio e l’affarismo spregiudicato del CAI di Moss SRL

Posted in Eventi, Sport | Tagged , | Leave a comment

Lambretto Day 2021

Dopo l’annullamento causa maltempo della giornata del 7 febbraio, nuova convocazione per la decima edizione del LAMBRETTO DAY!

Domenica 28 febbraio 2021/ Ritrovo ore 9.30 via Rosmini 11, Monza

LAMBRETTO DAY – Decima edizione

Giornata di pulizia e riqualificazione del corso d’acqua di via Rosmini

Porta guanti e stivali, il pranzo te lo offriamo noi!

FOA Boccaccio 003

Torna il Lambretto Day: prendersi cura di questo pezzo di verde è un altro modo di battersi contro il modello di città disegnato dalla Giunta.

Se le prime edizioni del 2011 rientravano nelle vittoriose mobilitazioni a difesa di questa zona agricola contro i progetti di cementificazione della Giunta Mariani sulla Cascinazza, oggi a dieci anni di distanza è di nuovo tempo di autorganizzarsi contro la grossa trasformazione urbanistica che potrebbe investire anche questa propaggine di città.

Le 17 palazzine di lusso che sorgeranno a bordo Lambro sulla ex Garbagnati, le ipotesi di sgombero del centro sociale con l’arrivo del baraccone firmato CAI e MOSS, l’inserimento di altre aree sulla via (compresa la Cascinazza) nel piano di rigenerazione urbana voluto dalla Giunta rischiano di cambiare profondamente l’aspetto di questa porzione verde di Monza.

Consapevoli che la retorica del degrado è spesso funzionale a interventi repressivi e speculazioni immobiliari, rispondiamo con iniziative autorganizzate, mostrando la capacità di chi vive quartieri e territori di farsi carico in autonomia della tutela degli spazi che abita e ribadendo che nessuna riqualificazione passa attraverso il profitto dell’investitore di turno.

Qualche immagine dalla prima edizione:

Posted in Eventi | Tagged , , | Leave a comment