[Antiorario] Notti acide

In Boccaccio torna ANTIORARIO. Il circolo rivoluzionario di saperi. Un nuovo ciclo di incontri e corsi di formazione e scambio. In attesa di svelari tutti gli appuntamenti, vi invitiamo fin da ora al primo appuntamento dedicato alle tecniche della camera oscura.
NOTTI ACIDE. Laboratorio di camera oscura.
Tutto in una notte: sessione di scatto, sviluppo e stampa bianco e nero.
Un’occasione per approcciarsi alla fotografia analogica in tutte le sue fasi.
A fine laboratorio ti porti a casa la tua stampa A4.
***************
Tutto il materiale verrà fornito in loco, ma se hai rullini b/n da sviluppare, portali.
Se hai negativi bn tra i quali vuoi scegliere una foto da stampare, portali.
Max 10 partecipanti (5 euro di sottoscrizione per materiali).
Iscrizioni entro GIOVEDì 26 novembre alla mail boccaccio@autistici.org o via FB
Programma
ore 21.00 ritrovo
ore 22.00 sessione di scatto
ore 23.30 sessione di sviluppo
ore 01.30 sessione di stampa
ore 05.00 fine lavori
Posted in Eventi | Tagged , | Leave a comment

Fare legna

Posted in Eventi | Leave a comment

Corteo rimandato

A seguito di un approfondito confronto assembleare, abbiamo deciso di rinviare a data da destinarsi il corteo contro lo sgombero, previsto per sabato 21 novembre. Nonostante il buon esito di tutte le iniziative finora organizzate in difesa del Boccaccio, crediamo non sussistano oggi le condizioni affinché il corteo si svolga esprimendo il proprio potenziale di coinvolgimento e partecipazione da una parte, di comunicazione con la città di Monza dall’altra.
Anche la gravissima diffusione del virus in città ci ha indotto a rimandare il corteo (prematura ogni previsione sui tempi di una nuova convocazione), ma non mancheranno i momenti in cui in queste settimane ci faremo vedere a Monza con altre iniziative. 
FOA Boccaccio 003
Posted in Eventi | Tagged , , , | Leave a comment

Monza ferita

Cementificare gli ultimi fazzoletti di verde in città, “rigenerare” aree dismesse affollando i quartieri di nuove palazzine, trasformare spazi culturali in centri commerciali, desertificare le piazze, sgomberare spazi sociali a favore del business dell’aggregazione a pagamento e della ristorazione d’elité…cosa hanno in comune tutti questi processi in atto su Monza?
I soldi, il profitto, la speculazione. Chiamatelo un po’ come volete, ma il disegno della città che verrà è un quadro a tinte scure, un modellobasato sul consumo,di suolo e di merci.
Una folle corsa al denaro nelle mani di abili imprenditori e affaristi, spalleggiati da una classe politica interessata e piacente.
Ogni angolo della città è piegato alla volontà di questi loschi figuri, che parlano di “parchi urbani”, “residenze green”, “quartieri a impatto zero”, ma che nei fatti stanno assestando il colpo di grazia al territorio in cui viviamo.
Costruire nuovi caseggiati e nuovi centri commerciali non soddisfa alcuna esigenza della comunità. Anzi.
Sgomberare gli spazi sociali e governare gli spazi pubblici a suon di ordinanze e divieti non soddisfa alcuna esigenza della comunità. Anzi.
Questa è una vera emergenza, un processo che rischia di essere irreversibile, di fronte al quale oggi decine di biciclette hanno attraversato la città per porre all’attenzione di tutti l’urgenza di mobilitarsi: il lockdown, che non ferma gru e intrallazzi, non può essere una scusa per bloccare ogni forma di dissenso!
La critical mass ha raggiunto alcuni luoghi emblematici di questa trasformazione, ne sono stati scelti nove esemplificativi (ma purtroppo l’elenco potrebbe essere ben più lungo), nove ferite aperte della città che soffoca tra cemento, traffico, speculazione e controllo sociale.
In questi mesi in cui ci chiedono di rinunciare alle libertà più elementari, in cui da più parti giungono appelli asacrifici e responsabilità in nome della tutela della salute, crediamo sia fondamentale ribadire che il diritto alla salute passa in primo luogo dalla definizione di una città capace di opporsi alla dittatura del denaro e di ricostruire il proprio senso intorno alla salvaguardia degli spazi verdi, alla libertà di fruizione degli spazi comuni e pubblici, al recupero dell’esistente e dello sfitto come modello di sviluppo urbanistico.
LA MAPPA DELLE FERITE APERTE
1*IPER MAESTOSO
Emblematico esempio di rigenerazione urbana: un ex cinema trasformato in centro commerciale. Uno spazio culturale riconvertito a tempio del consumo. Un capolavoro firmato dallo studio Edidata e associati, gente col fiuto dei soldi.
2* MOSS
Moss s.r.l. è la società di ristorazione che, insieme con il CAI, ha deciso di comperare l’area di via Rosmini 11: sgomberare la FOA Boccaccio è un ottimo investimento per allargare il proprio business nel campo della ristorazione per ricchi.
3* NEI & VIA BERGAMO
Retate ogni sabato sera con sbirri antipatici e prepotenti, lucchetti e chiusura di parchetti pubblici, divieti di bere all’area aperta e di ascoltare musica con gli amici: questa la ricetta della Giunta contro il “degrado”. Si crea quindi il deserto sociale, per poi lamentarsi dell’insicurezza.La nostra soluzione: riempire le piazze con iniziative e contenuti.La sicurezza è stare insieme, vivere bene, guardandosi le spalle uno affianco all’altro; il vero degrado è la loro desolazione.
4*EX TINTORIA DE SIMONI
Sgomberare uno spazio sociale genera i mostri: i capannoni fatiscenti di via Boccaccio 6 sono l’emblema dell’abbandono in attesa del prossimo cambio di destinazione d’uso dell’area.
5* TORRI DI SANT’AMBROGIO
Undici piani di “lusso concreto e accessibile”: in quartiere però lo chiamano l’ecomostro di via Messa. Eppure tutto è pronto per il raddoppio delle volumetrie, è in arrivo infatti la seconda torre. Non c’è limite al peggio.
6* VIA ASPROMONTE
Altro esempio di stabile abbandonato dopo lo sgombero della FOA Boccaccio. Perché il CAI non realizza qui la sua tanto agognata palestra di arrampicata? Lo spazio c’è, basta lavorare sul consenso del proprietario.
7* RESIDENZA BRAMANTE
Il vecchio imperatore del mattone Giambelli regala alla città un altro colpo da milioni di metri cubi di cemento: centinaia di appartamenti nuovi gonfiano la bolla immobiliare e intossicano il quartiere di traffico.
8* FOA BOCCACCIO
L’unica esperienza di autogestione e di autorecupero in città è sotto attacco da parte della cordata CAI e MOSS srl: “alpinisti”, ristoratori, imprenditori del mattone hanno comperato l’area per far girare un pò di soldi. Loro però la chiamano “Casa della montagna”.
9* EX GARBAGNATI
Diciassette palazzine sono il grande intervento di rigenerazione urbana previsto per questa area dismessa. Un progetto dal devastante impatto ambientale diventa “Arborea Living”, residenze di lusso a tinta green.
Posted in Comunicati | Tagged , , , , , , | Leave a comment

CRITICAL MASS. Tra le ferite aperte di Monza

Confermato l’appuntamento con la CRITICAL MASS di sabato. Comprovate esigenze di lotta ci inducono a perseverare nel percorso di denuncia delle emergenze sociali e ambientali che gravano sulla città. In nessun modo i divieti del lockdown possono costituire un deterrente nel prendere parola su questioni urgenti e vitali, proprio in relazione ai temi del benessere e della vivibilità di Monza. Vi attendiamo quindi super puntuali alle 16 in piazza Castello. Partiremo senza ritardi così da evitare inutili attese e assembramenti.
Sabato 7 novembre 2020 -Monza
Ritrovo ore 16.00 – piazza Castello (Binario 7)
CRITICAL MASS
Tra le ferite aperte della città.
****************************************
Sono tempi in cui il tema della salute è sulla bocca di tutti.
Crediamo tuttavia che sia innanzitutto l’ambiente in cui abitiamo a determinare le condizioni di benessere (o malessere) delle persone.
Monza da questo punto di vista come sta?
Male, malissimo.
Viviamo in una città soffocata dal cemento, dal traffico, e, prima del virus, l’emergenza si chiamava pm10.
Eppure qualcuno vuole costruire ancora. Ovunque in città sono in arrivo cantieri e palazzine, intere aree verdi rischiano di essere cancellate.
Monza è poi la città in cui i cinema diventano centri commerciali, in cui le piazze vengono privatizzate, invase da tavoli e dehors, in cui i luoghi di libera aggregazione vengono costantemente sottoposti a divieti e repressione.
Il governo del territorio snatura spazi comuni, devasta le relazioni comunitarie, favorisce la disgregazione sociale.
Assessori e palazzinari: si siedono al tavolo e scrivono regolamenti urbanistici, disegnano varianti, si stringono le mani e si intascano i soldi.
La grande truffa della “rigenerazione urbana”, dell’imprenditoria “green”, della “smart city” nasconde logiche di profitto e di controllo tossiche per il territorio e per le nostre abitudini di vita.
Il punto di non ritorno si avvicina sempre più e ci sentiamo chiamati in causa nel mettere a fuoco questa emergenza.
Il 7 novembre ci faremo quindi un giro rivendicando un modello di città completamente diverso, libero dalle ossessioni di profitto, accessibile, ecologista.
Bici, skate, monopattini: vieni come vuoi, ma vieni. Ci divertiremo.
Posted in Eventi | Leave a comment

Verso la Critical Mass del 7 novembre

Giovedì 29 ottobre, ore 19, FOA Boccaccio 003, via Rosmini 11, Monza

ASSEMBLEA APERTA: costruiamo insieme la critical mass del 7 novembre a Monza!

********

Nel frastuono mediatico causato dalla pandemia non ci dimentichiamo che per stare bene dobbiamo innanzitutto abitare in città vivibili, in cui libertà e benessere non possono essere subordinati alla legge del denaro e degli interessi privati. Monza che tipo di città è oggi? Ma soprattutto, che città rischia di diventare domani? Quali sono le ferite aperte nei nostri quartieri? Rispondere oggi a queste domande è importante per trovare insieme il modo di salvaguardare spazi di libertà, sane abitudini di aggregazione, angoli verdi in una città soffocata dal cemento, dalla paranoia securitaria, dalla mercificazione di tutto. La critical mass del 7 novembre vuole essere un’occasione per mappare il male che ci circonda e raccontare invece quale modello di città abbiamo in mente. Vi aspettiamo quindi con le vostre idee giovedì 29 per scambiare idee e organizzarci. Fate girare la voce e portate amici e amiche!

+ bici + kaos + liberta’

Iniziativa nell’ambito della mobilitazione contro lo sgombero della FOA Boccaccio.

Posted in Comunicati | Tagged , , | Leave a comment

Sulla Capanna Monza

Oltre cinquanta persone hanno preso parte alla prima escursione del ciclo CON PASSO OSTINATO. Insieme da Monza a Erve, per poi salire alla Capanna Alpinisti Monzesi, con striscioni e volantini distribuiti ai molti escursionisti presenti sulla via: il racconto della squallida operazione immobiliare che il CAI di Monza vuole attuare sull’area di via Rosmini 11 comincia ad avere eco anche nelle nostre montagne. Decostruendo la retorica del “progetto per i giovani” scritto a tavolino da un manipolo di ultrasessantenni si mette in evidenza il vero obiettivo dell’operazione, ossia mettersi in tasca una montagna di soldi. IL BOCCACCIO NON SI TOCCA!

Posted in Comunicati | Tagged | Leave a comment

Agenda d’autunno

Nella partecipata assemblea di mercoledì 14 ottobre contro lo sgombero del Boccaccio è stato discusso e ufficializzato un primo calendario di mobilitazioni cittadine. Vogliamo portare per le strade di Monza le istanze e le rivendicazioni che animano lo spazio sociale di via Rosmini 11, ma non solo. Vogliamo costruire queste iniziative con chi, come noi, pensa che la città in cui viviamo sia soffocata da una Giunta ultra-repressiva, che governa a colpi di ordinanze e divieti. Con chi, come noi, odia quel manipolo di speculatori palazzinari che sta dando il colpo di grazia a Monza, progettando su decine di aree la costruzione di torri e palazzi, portando nuovo traffico, tossicità e affollamento. Con chi, come noi, crede che la pandemia stia mettendo in ginocchio fasce di popolazione sempre più ampie e che sia urgente autorganizzarsi nel supporto delle reti di solidarietà.Con chi, come noi, pensa che in questo contestoun luogo di libertà e autogestione in cui da vent’anni si praticano politica dal basso e aggregazione slegata da profitto sia un patrimonio irrinunciabile, da difendere in maniera determinata. Appuntatevi le date e seguite gli aggiornamenti, ma soprattutto siateci! Vi aspettiamo.
+++++++++++++++
Giovedì 29 ottobre 2020, ore 19, FOA Boccaccio 003
ASSEMBLEA APERTA per la costruzione della critical mass del 7 novembre
+++++++++++++++
Sabato 07 novembre 2020
CRITICAL MASS tra le ferite aperte della città di Monza
+++++++++++++++
Sabato 21 novembre 2020
CORTEO contro lo sgombero del Boccaccio
Posted in Comunicati, Eventi | Tagged , , , | Leave a comment

Con passo ostinato

CON PASSO OSTINATO

Ciclo di iniziative sull’idea di montagna e libertà.

Contro lo sgombero del Boccaccio e l’affarismo spregiudicato del CAI di Monza.

*************************

 

Giovedì 22.10.2020 h 20.30 FOA Boccaccio 003 

SENTIERI PROLETARI. Storia dell’Associazione Proletari Escursionisti 

Presentazione a cura dell’autore Alberto “Abo” Di Monte

A seguire introduzione alle attività dell’APE Milano

http://www.ape-alveare.it

Domenica 25.10 ritrovo h 7.30 FOA Boccaccio 003 

GITA ALLA CAPANNA ALPINISTI MONZESI

Partenza da Erve (559 mt.) h 9.00 Arrivo previsto al Rifugio (1173 mt.) h 11.30

Per chi vuole possibilità di raggiungere il Rifugio Azzoni in cima al Resegone (1860 mt.)

Pranzo al sacco / Escursione adatta a tutte e tutti

A causa delle sempre più disperate misure liberticide e repressive con
cui il governo vuole coprire il disastro sociale ed economico verso cui
ci stanno portando, siamo costretti, nostro malgrado, ad annullare la
presentazione della rivista Nunatak e le successive iniziative del ciclo in programma.

Giovedì 5.11 h 20 FOA Boccaccio 003 

NUNATAK: RIVISTA DI STORIE, CULTURE, LOTTE DELLA MONTAGNA

Presentazione a cura della redazione della rivista

A seguire presentazione di Trùc (escursionismo politico)

Domenica 08.11 ritrovo h 9 FOA Boccaccio 003 

GITA AL RIFUGIO BOGANI

Partenza da Esino Lario, parcheggio per Via della Ganda (1440 mt.) h 10.45 

Arrivo previsto al Rifugio (1.816 mt.) h 12.30

Portare acqua e pranzo al sacco (non è presente acqua potabile) 

Escursione adatta a tutte e tutti

 

Venerdì 13.11 h 20 FOA Boccaccio 003 

THE MILKY WAY. Nessuno si salva da solo (Ita/Fr 2020) 

Proiezione e a seguire dibattito con il regista Luigi D’Alife

Ambientato sulle montagne tra Claviere e Monginevro descrive la storia di solidarietà degli abitanti e dei pericoli affrontati dai migranti, raccontata attraverso scorci di vita e graphic novel animate sullo sfondo del mondo di montagna nella consapevolezza che, qui come in mare, nessuno si lascia da solo.

https://www.milkywaydoc.com

 

Giovedì 19.11 h 20 FOA Boccaccio 003

RESTANZA IN MONTAGNA. Come resistere al cambiamento climatico

Incontro e dibattito con l’antropologa Michela Zucca

 

Tutte le iniziative sono a partecipazione gratuita

FOA Boccaccio 003   / via Rosmini 11, Monza    

 

***********************

Sempre più spesso accade che per provare a sgomberare uno spazio sociale si debbano inventare motivi “socialmente accettabili”.Per imporre le proprie ragioni, il potere di turno ha bisogno di legittimare lo sgombero non solo attraverso la consueta retorica legalitaria, ma ad esempio millantando progetti di inclusione per categorie svantaggiate o facendo leva sulla riconversione green delle aree. Ovviamente si omette senza vergogna di ricordare che chi si professa oggi neoambientalista o paladino dell’inclusione sociale sia la stessa persona che fino a ieri ha cementificato le nostre città, reso l’aria irrespirabile, aumentato le disuguaglianze e che si arricchisce giostrandosi quotidianamente tra un’operazione immobiliare e l’altra.

Anche a Monza stiamo assistendo a questo fenomeno: in una città governata da una Giunta ultra legalitaria e repressiva, che tuttavia non è riuscita a scalfire l’esperienza autogestita della FOA Boccaccio, è infatti un “progetto all’avanguardia” firmato dai progettisti del CAI di Monza a minacciare l’esistenza del centro sociale.

Acquistata l’area di via Rosmini 11 è in programma la costruzione di una palestra di arrampicata che vuole essere un polo di attrazione per tutti gli amanti della montagna…a Monza!

Insomma, se i giovani non vanno alla montagna, si costruisce una montagna finta in città: questa la strategia per svecchiare l’associazione.

Per farlo, oltre a voler sgomberare l’unico spazio in città in cui i giovani veramente fanno politica, cultura e sport in maniera autogestita e autorganizzata nel solco di un’esperienza ventennale, minacciano di distruggere un campo da calcio storico per la città e procedere con la consueta colata di cemento.

Noi non staremo a guardare come spettatori passivi che questo teatrino si svolga in silenzio: oltre ad opporci allo sgombero, denunciare la pochezza politica di chi vorrebbe governare questa città, smascherare le logiche per cui le aree edificabili vengono svalutate e scambiate per pochi soldi al fine di generare grandi profitti, continueremo a produrre conflitto e autorganizzazione, denunciando ogni tentativo di lavarsi la coscienza con suddetti progetti sportivi da parte del CAI e di chi vorrà speculare sull’area di via Rosmini.

Con il ciclo CON PASSO OSTINATO racconteremo con le voci di collettivi, sportiv*, scrittor*, antropolog*, regist* cos’è per noi la montagna: non solo uno stereotipo da cui estrarre profitti idealizzandone alcune caratteristiche o, peggio ancora, un territorio da devastare in nome del capitale, ma un luogo di resistenza, di conoscenza di sè, di scambio di saperi e di comunità, da amare e rispettare in una logica di complementarietà e resistenza.

Posted in Comunicati, Eventi | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

ZiDima Release Party

Fuoco, chitarre distorte, un testo che parla di ostinazione e battaglie quotidiane.
Non è quindi un caso che VALE, il nuovo videoclip degli amici ZIDIMA, sia ambientato in Boccaccio.
Buona visione, vi aspettiamo venerdì al release party del nuovo disco “Del Nostro Abbraccio Ostinato In Questa Crepa In Fondo Al Mare”.
*********************
“L’album racconta le storie, le inquietudini e le scelte di persone con cui siamo entrati in contatto, da qui la scelta di intitolare le sette canzoni del disco con i loro nomi. 
Il video di Vale è stato ideato, interpretato e realizzato con i ragazzi e le ragazze del centro sociale Foa Boccaccio di Monza, per noi un vero rifugio e luogo del cuore. Frequentiamo questo posto da quasi dieci anni, lì abbiamo allestito la nostra sala prove, e su quei palchi abbiamo vissuto i concerti più emozionanti. Ma al di là delle opportunità che come band il Boccaccio ci ha riservato, ci piaceva l’idea di omaggiare e celebrare le persone che lo animano, per ricambiare tutto il calore ricevuto in questi anni, ancora di più in un momento delicato come questo, con una nuova minaccia di sgombero alle porte. La canzone rappresenta una sorta di inno a questi bellissimi combattenti moderni, e quando abbiamo pensato all’ideazione di un video, ci siamo naturalmente rivolti a chi queste battaglie le affronta quotidianamente. Appena abbiamo avuto modo di vedere il primo montaggio, abbiamo immediatamente riconosciuto in questi volti e in questi occhi quella passione viva e ostinata che è un po’ la tematica principale del disco. Una passione che li accompagna da tempo, e che cercheremo anche noi di portare sempre addosso, comunque sia andata o andrà”.

 

Posted in Eventi, General | Tagged , , | Leave a comment