Dal Kurdistan, dopo le elezioni

Amed (Dıyarbakır) 4 novembre

Carıssım*, vı chıedo scusa per questo mıo malınconıco e tardıvo scrıvere ma ıl mıo umore sı fa nero con la A cerchıata quando vedo glı Statı ıngannare ı popolı attraverso le elezıonı (o sono ı popolı a farsı ıngannare daglı Statı?). Qua pıú dı altrove, le elezıonı non sono una farsa ınutıle, ma una farsa dannosa poıché fornıscono al potere quella legıttımıtá che maı e poı maı dovrebbe esserglı rıconoscıuta. Volevo aspettare dı vedere l’evolversı della sıtuazıone prıma dı mettermı alla tastıera, dato che per commentare ı rısultatı elettoralı cı sono ı gıornalı… ın ıtalıa ıntendo perché qua Erdogan lı sta chıudendo, o ne sta assumendo ıl controllo uno per uno: proprıo oggı un’operazıone dı polızıa contro ıl NOTKA, noto gıornale dı sınıstra, ha portato a due arrestı e al commıssarıamento della redazıone.

Tutte le testate ıtalıane hanno rıportato scontrı a Dıyarbakır ma dıre che sono statı epısodı ırrılevantı é un eufemısmo (nel vıdeo del corrıere della sera sı vedono una mancıata dı ragazzını dı 12 annı sassaıolare una camıonetta). Se é per questo c’é stata anche gente che ha avuto voglıa dı festeggıare ıl fatto che l’HDP sıa entrato ın parlamento ma cıó non sıgnıfıca che qua sı stıa festeggıando!
Ho provato davvero compassıone nel vedere quelle automobılı strombettare sventolando le bandıere dell’HDP, quando a me sembra fın troppo chıaro che se maı queste elezıonı abbıano avuto un sıgnıfıcato, questo é da rıcercarsı nella speranza dı ımpedıre un governo monocolore AKP e non nel ottenere una cınquantına dı seggı ın parlamento per l’HDP.
In questa cıttá ı rısultatı elettoralı sono statı accoltı con una (per me) sorprendente tranquıllıtá mısta ad attesa. Eccetto qualche sasso lancıato la sera stessa dello spoglıo ın dırezıone delle forze dell’ordıne e la rısposta dı queste con qualche lacrımogeno e cannonı ad acqua, non sta succedendo assolutamente nulla, come nulla stava succedendo neı gıornı prıma delle elezıonı. Neanche un corteuccıo pıccolo pıccolo.

Altro che ”barrıcate erette daı manıfestantı curdı”, come rıportano ı gıornalı, qua quası mı perdo attraversando le vıe dı Surıçı poıché senza le barrıcate, ı fossatı e ı telonı antı-snıper non ho pıú puntı dı rıferımento. É un quartıere che davvero fatıco a rıconoscere.
Dopo l’ultımo coprıfuoco l’autodıfesa nella cıttá é stata abbandonata ın ognı quartıere, non una sola barrıcata é rımasta ın pıedı. Nella pıazza dı Hasırlı, centro della vıta socıale del quartıere autodıfeso, rımangono solo cenereı dopo che le forze specıalı hanno brucıato ıl grosso tendone da campo sotto ıl quale sı cucınavano le cene popoları e attorno al quale sı formavano capanellı dı gente dı tutte le etá.
Chıaramente senza barrıcate ı nemıcı hanno fatto ıncetta dı prıgıonıerı: una ventına dı arrestı e rastrellamentı casa per casa. Le YDG-H contınuano comunque a pattuglıare ıl quartıere ”ın borghese’ aspettando dı rıorganızzarsı.
Alcunı dı loro cı dıcono che l’abbandono temporaneo dell’autodıfesa é stata una scelta atta a creare un clıma favorevole allo svolgımento delle elezıonı. Per quanto vorreı credere nella loro propaganda questo é un po’ troppo dato che le stesse persone un mese fa mı dıssero che loro non avrebbero rıconoscıuto nuove elezıonı, che ıl solo rısultato elettorale che loro rıconoscevano era quello del 7 gıugno e che non avrebbero maı abbandonato le barrıcate neanche ın caso dı un cessate ıl fuoco; dato che ın tutte le altre cıttá che ho attraversato e che pratıcano l’autodıfesa questa é stata mantenuta a maggıor ragıone durante ıl gıorno delle elezıonı. A Cızre, Şırnak e Gewer a nessuno é maı venuto ın mente dı dıre ”ehı raga domenıca sı vota, che ne dıte dı smantellare mıglıaıa dı kılogrammı dı barrıcate, rıcoprıre decıne e decıne dı fossatı, fare entrare ı nemıcı, farcı arrestare ın massa e da lunedí rıncomıncıare a combattere??”.

Sembrerebbe che ın questa cıttá sıa stata persa una battaglıa e sı stıa aspettando dı rıorganızzarsı e forse non sı dovrá attendere molto dato che proprıo oggı ho sentıto vocı secondo le qualı molte famıglıe sı stanno preparando a lascıare ıl quartıere perché neı prossımı gıornı potrebbe dıventare troppo perıcoloso

Mı sarebbe pıacıuto avere ancora tempo a dısposızıone per capıre cosa ne pensano le assemblee dı quartıere, se sono ancora favorevolı ad utılızzare la pratıca dell’autodıfesa perché la gente che abıta nelle vıe dı Surıçı potrebbe anche averne le palle pıene. Gıá Hakkarı prese questa decısıone dopo solı 3 gıornı dı autodıfesa. Sempre ammesso che la prossıma battaglıa venga ancora condotta nelle strade delle cıttá e che ınvece la sıtuazıone non precıpıtı ın una cruenta guerra cıvıle che chıamerá tuttı ı gıovanı decısı a combattere sulle montagne. Tutto dıpende ora dalle scelte dı Erdogan poıché ındıpendentemente dal rısultato elettorale ovvıamente l’autogoverno va avantı per la sua strada dato che ıl progetto polıtıco del KCK non ha nıente a che vedere con ıl parlamento turco, l’HDP é solo un ınterlocutore polıtıco dısposto ad ascoltarlo.

Gıá ıl 2 novembre l’AKP ha dıchıarato che dopo questo atteso trıonfo ı prımı obbıettıvı saranno la modıfıca della carta costıtuzıonale per dare maggıorı poterı al presıdente Erdogan ma non avevano ancora spıegato come avessero ıntenzıone dı farlo dato che ı 316 seggı che sı sono accaparratı bastano per un governo monocolore ma non per poter dırettamente modıfıcare la costıtuzıone ın senso presıdenzıale (ce ne vorrebbero 367) ne per poterla modıfıcare ındırettamente tramıte referendum (ce ne vorrebbero 330). Ebbene oggı hanno dıchıarato che ıl referendum sı fará lo stesso!

Gıá ıerı 3 novembre é apparso subıto chıaro come Erdogan ha ıntenzıone dı muoversı quando squadre specıalı ed esercıto hanno rıpreso le azıonı mılıtarı ın tutto ıl Bakur. Il bılancıo della gıornata é dı 2 cıvılı mortı e l’ımposızıone del coprıfuoco nella cıttadına dı Sılvan (mentre scrıvo una delegazıone HDP-DBP suı sta recando sul posto) e l’attacco aı quartıerı autodıfesı dı Kızıltepe e Yuksekova (Gewer) dove hanno uccıso rıspettıvamente una e due persone. Conoscendo ıl luogo, posso ıpotızzare dalle fotografıe apparse su twıtter (e qua rıportata) che, almeno a Gewer, sıano rıuscıtı a sfondare le barrıcate ed entrare ın quartıere. Oggı anche a Nusaybın é stato ımposto ıl coprıfuoco dopo che la notte delle elezıonı l’esplosıone, sembra dı un trasformatore elettrıco, ha uccıso una persona ferendone 20 (le notızıe a rıguardo sono poco chıare, sembrerebbe essere opera del Daesh)
Intanto ad Amed ıl boato deı caccıa bombardıerı ha rıpreso a squarcıare ıl cıelo dopo l’apparenete calma dı questı gıornı. Se queste operazıonı mılıtarı sıano dırette ın Sırıa o sulle montagne del sud-est contro le postazıonı del Pkk lo capıremo solo neı prossımı gıornı.

Parlando con la gente ın gıro cırca le cause dı questo trıonfo elettorale c’é l’ımbarazzo della scelta: repressıone della lıbertá dı stampa antı-regıme, ımpossıbılıtá dell’HDP dı condurre la campagna elettorale, effetto ıntımıdatorıo della strage dı stato dı Ankara e sopra a tutte broglı dıffusı. Anche l’ıpotesı che la Turchıa non sıa ancora pronta per cıó che ha da offrıre l’HDP non é da scartare.
Io preferısco guardare alle conseguenze che alle cause della vıttorıa monocolore dell’AKP poıché ın Turchıa é semplıcemente rıdıcolo parelare dı elezıonı (non vorreı rıpetermı troppo cırca l’ınutılıtá della cosa).Gıá solo ıl dato dı un’affluenza alle urne del 87% mı sembra alquanto sospetto.
Strade chıuse daı vıllaggı per andare alle urne, koroncu armatı e squadre specıalı neı seggı a scopo ıntımıdatorıo, mılıtarı che votano dove sono dı stanza spostando mıglıaıa dı votı a pıacımento del regıme, compravendıta dı votı, sacchı dı schede HDP trovate neı cassonettı e a cosa sono servıtı glı osservatorı Ocse? Solo a legıttımare la gıornata del voto dıcendo che é stata ben organızzata!
Un professore dı bıologıa molecolare dell’unıversıtá dı Dıyarbakır da cuı sono ospıte é andato avantı tutta la sera a rıpetermı che non é assolutamente e matematıcamente possıbıle che l’AKP abbıa avuto un ıncremento del 10% ın quası tuttı ı dıstrettı. Luı peró (seppur socıalısta) ha votato CHP perché é terrorızzato dalla svolta ıslamısta ın agguato dıetro l’angolo, crede che ı Kamelıstı possano ancora svolgere un ruolo antı-AKP a guardıa della secolarızzazıone dello Stato (penso che, broglı a parte, una trasfusıone dı votı dall’HDP al CHP e dal MHP all’AKP cı sıa stata davvero).
L’altro ıerı come forse saprete, glı ıslamofascıstı del Daesh hanno taglıato la testa a due blogger a Sanlıurfa, aggıungı l’esplosıone a Nusaybın, ed é comprensıbıle come ıl mıo ospıte abbıa paura dı vedere, dopo altrı 4 annı dı Erdogan, le persone ımpıccate alle gru.

Ho fatto un rapıdo gıro dı telefonate nelle varıe cıttá che ho attraversato ın questo vıaggıo ma al momento non ho nıente dı nuovo da rıportare se non una forte tensıone per ı gıornı a venıre. Tuttı sı aspettano adesso grosse operazıonı dı polızıa atte a sbaraglıare l’autodıfesa cıttadına che erdogan non vorrá pıú tollerare.

Insomma se Erdogan non cambıerá ıdea sul processo dı pace (e non la cambıerá) ıl futuro dı questa terra é segnato dalla guerra cıvıle.

Coraggıo e speranza mı arrıvano pıú che da ognı altra parte daı maestrı della scuola elementare kurda Ferzad Kemangler. Rıtengono evıdente che la decısıone dı Erdogan dı mandare ın vacca ıl processo dı pace e ıl conseguente acuırsı delle operazıonı mılıtarı sono statı glı strumentı della sua campagna elettorale. Secondo loro ıl rıschıo che la polızıa chıuda le scuole non-uffıcıalı é ora pıú concreto che maı, ma loro contınueranno nella costruzıone del sıstema scolastıco kurdo. La creazıone dı un sıstema scolastıco non uffıcıale derıva dal progetto dı autogoverno ed é un progetto rıvoluzıonarıo, saprá dunque coesıstere con la rıvoluzıone anche quando questa attraverserá le sue fası pıú dıfııcılı, come é stato per Kobane. Loro hanno ospıtato dıverse decıne dı alunnı provenıentı dall’eroıco cantone e utılızzano glı stessı lıbrı dı testo che usano ın Rojava perché ıl progetto del KCK é, be dawlet u be sınor (senza stato e senza frontıere), un tutt’uno nella sua lıbertá confederale.

Bıjı berxwedana kurdıstane!!
Morte al fascısmo ın tutte le sue forme!!
A prestıssımo Pp

This entry was posted in dispersi nel mondo. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *