Street Books #12

Si parla tanto di “droghe” in questi ultimi tempi e le prime pagine dei giornali raccontano spesso, qui a Monza e nei comuni limitrofi, di un fenomeno fuori controllo. Il ritorno dell’eroina, vicende scabrose, luoghi insicuri e degradati, inchieste di mercato scioccanti: un “nuovo” allarme sociale si presenta all’orizzonte e, subito a ruota, la ricetta securitaria fa capolino come unica soluzione possibile per cancellare “il problema”.
Al di là di questo sensazionalismo, che poco ha a che fare con una reale comprensione del fenomeno, crediamo anche noi che parlare di dipendenze, sostanze stupefacenti, del loro stile di consumo, dei fattori sociali e degli interessi di mercato che ne determinano la diffusione, sia importante.
Per farlo abbiamo deciso di avviare un percorso di approfondimento finalizzato ad accrescere la consapevolezza di ciascuno intorno al tema, scambiarci informazioni e punti di vista, creare, se possibile, un sapere comune che sia la base di una rinnovata capacità degli individui e delle realtà di movimento di interagire con il fenomeno in una prospettiva rispettosa delle libertà degli individui e libera da paure e paranoie securitarie.
Invitiamo quindi tutti gli interessati e gli addetti ai lavori a portare il proprio contributo nell’ambito della prima serata in programma giovedì 11 ottobre, in cui l’autore Cecco Bellosi presenterà un libro che, pur edito nel 2004, presenta caratteri di strettissima attualità e offrirà lo spunto per avviare le riflessioni.
Giovedì 11 ottobre 2018, h 21.30, FOA Boccaccio 003 via Rosmini 11, Monza – STREET BOOKS #12
PICCOLI GULAG
Sentieri e insidie delle comunità terapeutiche.
Cecco Bellosi (DeriveApprodi, 2004).
I “piccoli gulag” di cui si parla in questo libro sono le comunità terapeutiche, a cui l”autore, che è stato operatore prima e dirigente poi di numerose comunità sparse per l’Italia, rivolge uno sguardo critico, serrato ma dettato da un”esperienza vissuta dall’interno. Cecco Bellosi accompagna il lettore, con un registro narrativo limpido e autentico, in un viaggio alla ricerca di nuovi possibili significati di dignità e libertà in un rapporto sociale che sempre più rischia di morire dentro i ruoli e i paradigmi del controllo.
This entry was posted in Eventi and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *